Per chi ha maturato ma non può utilizzare i crediti d’imposta energia del terzo e quarto trimestre 2022, perché non ha effettuato la prevista comunicazione obbligatoria entro lo scorso 16 marzo, c’è una via di uscita per “recuperare” l’agevolazione: il ricorso alla “remissione in bonis”Riaperto il canale telematico per comunicare i tax credit energia maturati nel 2022.
Lo ha chiarito la risoluzione n.27 del 19/06/23 e l’avviso del 26/06/23 dell’Ade.
Pertanto se entro il 16/03/23 non era stata ancora comunicato il credito energia/gas residuo relativo al terzo trimestre 2022 e ai mesi di ottobre, novembre e dicembre 2022, vi è ancora la possibilità di farlo, in quanto l’omessa comunicazione costituisce solo un inadempimento formale, non andando a ledere l’elemento costitutivo dei crediti.
Per ovviare alla tardiva comunicazione basta effettuare la comunicazione attraverso il canale ora riaperto ed effettuare la remissione in bonis: ovvero versare con modello F24ELIDE la sanzione di 250 euro indicando il codice tributo 8114