Agenti di Commercio: Bonus scolastico Enasarco 2023 – FNAARC

Agenti di Commercio: Bonus scolastico Enasarco 2023 – FNAARC

Che cos’è?

Si tratta di una prestazione che Enasarco eroga a titolo di sussidio scolastico agli iscritti con figli fiscalmente a carico iscritti a scuole primarie, secondarie di primo e secondo grado e Università, per l’anno di frequenza 2023/2024.

Budget 2023

Per questa prestazione la Fondazione Enasarco mette a disposizione 1,7 milioni di euro.

A chi spetta?

Alle famiglie degli agenti con figli che frequentano scuole primarie, secondarie di primo e secondo grado e Università. I figli devono essere fiscalmente a carico degli iscritti. Se entrambi i genitori sono iscritti alla Fondazione, sarà erogata una sola prestazione.

Quali sono i requisiti?

Alla data della presentazione della domanda, è necessario avere i seguenti requisiti:

  • essere un iscritto in attività, con almeno un rapporto di agenzia attivo;
  • avere un’anzianità contributiva di almeno 4 trimestri (coperti esclusivamente da contributi obbligatori e non inferiori al minimale) anche non consecutivi negli ultimi due anni. Nel caso in cui tale requisito non risulti posseduto dal richiedente a causa del mancato pagamento dei contributi obbligatori da parte della propria impresa preponente, al solo fine della presente prestazione assistenziale, il requisito si considera posseduto se la ricorrenza dell’obbligo contributivo è attestata da documentazione certa e definitiva, già in possesso della Fondazione, e laddove lo stesso non sia stato contestato o non sia più contestabile.

Le domande presentate con allegato il modello Unico PF 2022 attestante un reddito lordo per l’anno 2021 non superiore a 43.200,00 euro saranno evase prioritariamente. Possono essere presentate domande anche con reddito superiore al valore di cui sopra o senza indicazione del reddito, che saranno esaminate nelle modalità indicate nelle Disposizioni Generali – Modalità di presentazione – del Programma.

Quanto spetta?

Fino ad un massimo di 800,00 euro per nucleo familiare così determinato:

  • 400,00 euro per un solo figlio iscritto e frequentante;
  • 600,00 euro complessivi per due figli iscritti e frequentanti;
  • 800,00 euro complessivi per tre o più figli iscritti e frequentanti.

Come fare domanda?

È possibile inviare la richiesta unica per tutti i figli frequentanti per i quali si chiede il contributo, esclusivamente online, attraverso l’area riservata inEnasarco.

Documentazione

Gli iscritti dovranno allegare la seguente documentazione:

  • dichiarazione sostitutiva di certificazione e di atto notorio ai sensi del D.P.R. 445/2000 – corredata di copia del documento di identità – attestante l’iscrizione e la frequenza dello studente/degli studenti, il tipo di corso, l’indicazione dell’istituto scolastico, nonché la sussistenza a carico dell’iscritto. In assenza di copia del documento di identità la dichiarazione sostitutiva di certificazione non è valida;
  • copia del modello Unico PF 2022 presentato dal richiedente, unitamente alla documentazione comprovante l’avvenuta trasmissione all’Agenzia dell’Entrate (ricevuta di avvenuta presentazione o visura del cassetto fiscale o numero e data del protocollo).

N.B: Se non sono stati percepiti redditi nel 2021 o se non c’è obbligo di presentare la dichiarazione, deve essere inviata un’autocertificazione completa di documento di identità valido e con l’indicazione dei redditi imponibili IRPEF percepiti nel 2021.

Scadenza

Le domande devono essere presentate dal 1° settembre al 31 dicembre 2023.
Per ulteriori dettagli, consultare il Programma delle prestazioni assistenziali 2023.

Agenti FNAARC è a completa disposizione dei soci per fornire supporto nella compilazione della domanda.

Post Correlati

start up
Come aprire una start up, la guida per aspiranti imprenditori
musica
Termine di pagamento musica d’ambiente diritti connessi per i Pubblici Esercizi stagionali
bottega)
Il Commercio non va in vacanza: nasce il marchio Bottega Ligure
fipe
FIPE Confcommercio: recensioni false “la Commissione UE conferma la responsabilità delle piattaforme