Apparecchi senza vincite in denaro: riapertura termini per i nullaosta

Apparecchi senza vincite in denaro: riapertura termini per i nullaosta

Con la Circolare n. 24/2022, l’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli ha comunicato che a partire dal 27 giugno p.v. e fino al 31 luglio p.v. sarà riaperto lo sportello web per la presentazione delle istanze di autocertificazione per il rilascio del nulla osta di esercizio degli apparecchi da gioco senza vincite in denaro di cui all’art. 110, comma 7, TULPS, tra cui ad esempio i biliardini.

Si ricorda che il termine per la presentazione delle istanze era scaduto lo scorso 30 aprile e che l’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli aveva già concesso un’ulteriore finestra temporale – dal 1° al 15 giugno 2022 – per regolarizzare la posizione di quanti non avessero rispettato suddetta scadenza. I termini vengono ora riaperti con il medesimo intento.

Nella circolare, inoltre, l’Agenzia fornisce alcune FAQ operative, precisando tra l’altro che:

  • con la mera presentazione dell’autodichiarazione e il versamento dell’importo richiesto all’atto della procedura (10 euro per ogni apparecchio) sarà possibile fin da subito installare o mantenere in esercizio gli apparecchi;
  • nulla è cambiato dal punto di vista tributario (gli apparecchi in questione sono assoggettati all’ISI, con aliquota dell’8% da applicare su una base imponibile forfetaria, diversa per ogni tipologia di apparecchi).

È bene infine sottolineare che risulta al momento confermato il termine del prossimo 30 giugno per le istanze concernenti gli apparecchi di cui all’art. 110 del TULPS, comma 7, lett. a) (es. gru o pesche di abilità) e lett. c) (es videogiochi) verificati e certificati secondo le regole tecniche dettate dal Decreto MEF dell’8 novembre 2005 e già installati.

Post Correlati

start up
Come aprire una start up, la guida per aspiranti imprenditori
musica
Termine di pagamento musica d’ambiente diritti connessi per i Pubblici Esercizi stagionali
bottega)
Il Commercio non va in vacanza: nasce il marchio Bottega Ligure
fipe
FIPE Confcommercio: recensioni false “la Commissione UE conferma la responsabilità delle piattaforme