Balneari la sentenza del Consiglio di Stato

Balneari la sentenza del Consiglio di Stato

«Il tempo della pazienza è finito: basta confusione e polemiche. Noi chiediamo subito una legge chiara ed applicabile, quella che chiamiamo “Legge Meloni”. Senza questo passo centinaia di posti di lavoro sono a rischio e con le aziende rischia di andare in fumo anche il simbolo della vacanza italiana. Ciò è inammissibile».

Il presidente di Confcommercio Savona Enrico Schiappapietra, nel suo ruolo di vicepresidente vicario del Sib (Sindacato italiano balneari) prende posizione dopo le decisioni del Consiglio di Stato.

I giudici hanno emesso due sentenze: con la 3840/24 il Consiglio di Stato ha stabilito l’obbligo di gara e con la 3943/24 l’impossibilità di effettuare alcuna gara in assenza di regole in particolare sull’indennizzo.

«Quel che stupisce è che, nello stesso giorno e nella stessa sezione e con lo stesso presidente, il Consiglio di Stato ha emesso due sentenze contraddittorie tra loro – continua Schiappapietra -. A questo punto pretendiamo chiarezza. L’Unione Europea chiede più concorrenza, non chiede di sostituire gli attuali gestioni e le famiglie dei balneari, che da anni investono e lavorano per offrire un modello di vacanza che è vincente, oltre che uno dei simboli del Paese.  Il settore balneare vale il 60% del turismo italiano. Questi dati aumentano ulteriormente nella nostra Liguria e nel Savonese: qui si contano 4 mila aziende, di cui mille stabilimenti balneari. Parliamo anche di chioschi, ristoranti, alberghi che hanno le concessioni, tutte le attività economiche che operano sul demanio marittimo. Corrispondono a centinaia di famiglie e posti di lavoro. Lettini e ombrelloni sono già sulle spiagge savonesi, molti stabilimenti hanno già aperto e questa confusione è un danno incredibile. Serve chiarezza e serve subito. Ci vuole una legge nuova e occorre promulgarla in tempi rapidissimi. Noi lo rivendichiamo da tempo, ora chiediamo al Governo di intervenire».

A supporto della tesi lo scorso 11 aprile i balneari hanno manifestato in piazza a Roma, chiedendo proprio risposte, oltre a una legge.

Dal Savonese era partita una nutrita delegazione, che oggi torna ad auspicare una svolta entro giugno.

 

 

Post Correlati

start up
Come aprire una start up, la guida per aspiranti imprenditori
musica
Termine di pagamento musica d’ambiente diritti connessi per i Pubblici Esercizi stagionali
bottega)
Il Commercio non va in vacanza: nasce il marchio Bottega Ligure
fipe
FIPE Confcommercio: recensioni false “la Commissione UE conferma la responsabilità delle piattaforme