Celiachia, FIPE e AIC insieme per sensibilizzare, promuovere conoscenza e accogliere in sicurezza

Celiachia, FIPE e AIC insieme per sensibilizzare, promuovere conoscenza e accogliere in sicurezza

E’stata siglata un’alleanza storica tra due pilastri dell’eccellenza italiana: FIPE-Confcommercio e l’Associazione Italiana Celiachia (AIC). L’accordo, presentato e sottoscritto rispettivamente da Lino Enrico Stoppani, Presidente di FIPE-Confcommercio, e Rossella Valmarana, Presidente di AIC, rappresenta un fondamentale passo avanti nella sensibilizzazione e nella promozione di iniziative volte a diffondere una maggiore conoscenza della celiachia all’interno dei Pubblici Esercizi in Italia.

L’evento, che ha visto la partecipazione di figure di spicco come Elena Murelli, Senatrice e Presidente dell’Intergruppo parlamentare su celiachia, allergie alimentari e AFMS, e Roberto Calugi, Direttore Generale di FIPE-Confcommercio, è stato un momento significativo per il settore alimentare italiano.

Il Protocollo d’Intesa si focalizza su due obiettivi principali: sensibilizzare le imprese associate di FIPE-Confcommercio ai temi legati alla celiachia e promuovere la conoscenza del programma AFC di AIC. Questo programma si configura come uno strumento informativo di accoglienza in sicurezza per la clientela celiaca, fornendo supporto alle imprese associate per garantire un servizio di qualità, in grado di valorizzare la ricca varietà delle ricette gluten free.

La necessità di tale iniziativa è stata ulteriormente avvalorata dall’indagine condotta nel 2023 su Ristorazione e Celiachia, commissionata da AIC e realizzata da un’azienda specializzata in studi di mercato. I risultati hanno evidenziato differenze significative nell’approccio al servizio senza glutine tra i locali aderenti al programma AFC e quelli non aderenti. Il 63% dei gestori di locali non aderenti ha dichiarato di avere una conoscenza superficiale della materia, mentre il 68% di queste attività non utilizza l’apposita dicitura nonostante prepari piatti senza glutine.

Lino Enrico Stoppani ha sottolineato l’importanza di questo accordo, evidenziando l’impegno di FIPE-Confcommercio nell’ampliare l’offerta nei menù e nella formazione del personale riguardo alla preparazione, conservazione e somministrazione degli alimenti gluten free. Per Stoppani, l’ospitalità e l’inclusione sono valori fondamentali che devono essere garantiti a tutti, senza eccezione.

Rossella Valmarana, dal canto suo, ha ribadito l’impegno di AIC nel sensibilizzare diverse istanze sulla celiachia, promuovendo uno stile di vita inclusivo e accessibile per le persone affette da questa patologia. Attraverso il Protocollo d’Intesa con FIPE, AIC si propone di ampliare i locali aderenti al programma AFC, garantendo a tutti la possibilità di vivere esperienze culinarie al ristorante con la sicurezza di essere accolti da professionisti informati sulla celiachia e sulla dieta senza glutine.

In conclusione, l’accordo tra FIPE-Confcommercio e AIC rappresenta un importante passo avanti nella promozione di un’ospitalità inclusiva e consapevole, in cui la salute e il benessere dei clienti celiaci sono al centro delle attenzioni.

Post Correlati

start up
Come aprire una start up, la guida per aspiranti imprenditori
musica
Termine di pagamento musica d’ambiente diritti connessi per i Pubblici Esercizi stagionali
bottega)
Il Commercio non va in vacanza: nasce il marchio Bottega Ligure
fipe
FIPE Confcommercio: recensioni false “la Commissione UE conferma la responsabilità delle piattaforme