CORSI OBBLIGATORI, CORSI DI AGGIORNAMENTO E PERCORSI FORMATIVI PERSONALIZZATI. ASFOTER, ENTE DI FORMAZIONE DI CONFCOMMERCIO SAVONA, DA IL VIA AI NUOVI CORSI.

CORSI OBBLIGATORI, CORSI DI AGGIORNAMENTO E PERCORSI FORMATIVI PERSONALIZZATI. ASFOTER, ENTE DI FORMAZIONE DI CONFCOMMERCIO SAVONA, DA IL VIA AI NUOVI CORSI.

 

A settembre riprende l’attività formativa di Asfoter, l’Ente di Formazione di Confcommercio Savona.

L’emergenza sanitaria ha impresso un’accelerazione fortissima ai processi di innovazione tecnologica, la formazione punterà a fornire tutti gli strumenti per non perdere il passo negli inevitabili cambiamenti.

Contenuti nuovi e specifici legati al contesto attuale, ma anche nuove modalità di erogazione adottando un approccio digitale in remoto che consenta comunque di mantenere elevato il grado di interazione tra partecipante e docente.

Prenderanno avvio i corsi obbligatori per chi vuole intraprendere una nuova attività- Mediatori immobiliari, corso per la somministrazione di bevande ed alimenti – i corsi di aggiornamento sull’igiene degli alimenti e la sicurezza nelle aziende al tempo di covid, ma si sta anche predisponendo un catalogo di percorsi formativi personalizzati per rispondere alle esigenze di ogni singola attività.

Se l’imprenditore crede che ora sia necessario reagire, innovando e formando il proprio personale, affinché lavori in sicurezza e sappia gestire le nuove modalità di lavoro necessarie per restare sul mercato, può cogliere le opportunità che ASFOTER offre, gratuitamente, attraverso il Piano, finanziato dalla Regione Liguria e dall’Unione Europea, FORMAZIORE PER LA RIPRESA.

Per informazioni :

E-mail : asfoter@confcommerciosavona.it

Tel : 0198331340-41

 

Post Correlati

start up
Come aprire una start up, la guida per aspiranti imprenditori
musica
Termine di pagamento musica d’ambiente diritti connessi per i Pubblici Esercizi stagionali
bottega)
Il Commercio non va in vacanza: nasce il marchio Bottega Ligure
fipe
FIPE Confcommercio: recensioni false “la Commissione UE conferma la responsabilità delle piattaforme