Credito d’imposta per materiali e prodotti alternativi a quelli in plastica monouso fino ad un massimo di 10.000 euro

Credito d’imposta per materiali e prodotti alternativi a quelli in plastica monouso fino ad un massimo di 10.000 euro

È stato pubblicato il Decreto del Ministero dell’Ambiente e della Sicurezza Energetica che, di concerto con il MIMIT e il MEF, definisce i criteri e le modalità di accesso a un credito d’imposta riconosciuto alle imprese per l’acquisto e l’utilizzo di prodotti riutilizzabili o realizzati in materiale biodegradabile e/o compostabile.

Il contributo ha il fine di promuovere la diffusione di prodotti alternativi a quelli in plastica monouso, assegnando criteri di priorità ai prodotti destinati a entrare in contatto con alimenti (es. tazze o bicchieri per bevande, inclusi i relativi tappi e coperchi, posate, piatti, contenitori per alimenti, ossia recipienti quali scatole con o senza coperchio, usati per alimenti destinati al consumo immediato, sul posto o da asporto, generalmente consumati direttamente dal recipiente e pronti per il consumo senza ulteriore preparazione).

Le spese ammissibili sono quelle effettivamente sostenute nel corso delle annualità 2022, 2023 e 2024 (e comunque dopo il 14 gennaio 2022, data di entrata in vigore del DLgs n. 196/2021), nel limite massimo complessivo di 3 milioni di euro per ciascuno degli anni indicati.

È bene sottolineare che il contributo spetta nella misura del 20% delle spese sostenute e documentate per i citati acquisti ed è riconosciuto fino all’importo massimo annuale di euro 10.000 per ciascun beneficiario.

I termini e le modalità di presentazione dell’istanza saranno indicati nella sezione “news” del sito del MASE.

Post Correlati

start up
Come aprire una start up, la guida per aspiranti imprenditori
musica
Termine di pagamento musica d’ambiente diritti connessi per i Pubblici Esercizi stagionali
bottega)
Il Commercio non va in vacanza: nasce il marchio Bottega Ligure
fipe
FIPE Confcommercio: recensioni false “la Commissione UE conferma la responsabilità delle piattaforme