Federmoda Savona: nasce il vademecum “Rapporto con i fornitori” e a Savona parte un progetto

Federmoda Savona: nasce il vademecum “Rapporto con i fornitori” e a Savona parte un progetto

In occasione dell’incontro “Made in Italy tra sostenibilità, ricerca e innovazione”, organizzato da Federazione Moda Italia-Confcommercio in collaborazione con PITTI Immagine Uomo presso la Fortezza da Basso a Firenze, è stato presentato – alla presenza di numerosi imprenditori della filiera – il Vademecum “Rapporto con i Fornitori” per supportare le imprese retail della moda.
Il Presidente di Federazione Moda Italia-Confcommercio, Giulio Felloni, ha dichiarato: “C’è stato un grande interesse delle imprese della moda per questo documento che sintetizza i contributi del Gruppo di Lavoro delnostro Consiglio Nazionale tra cui il Presidente provinciale Donata Gavazza rispondendo all’esigenza di una guida pratica su buone prassi, diritti e doveri nei rapporti contrattuali. Un testo che basa su trasparenza, fiducia reciproca e rispetto degli impegni all’insegna dell’innovazione e del contesto attuale. Con questo vademecum, che raccoglie le indicazioni pervenute dalle imprese italiane del retail della moda, Federazione Moda Italia vuole supportare non solo i commercianti esperti, ma anche i nuovi imprenditori che si affacciano ora al
mercato, bilanciando sforzi economici e conoscenze cruciali per superare insieme ai fornitori il particolare momento.
Il documento suggerisce parametri per la scelta dei fornitori, la negoziazione delle condizioni di acquisto, l’instaurazione di rapporti collaborativi trasparenti, il rispetto delle norme sull’etichettatura e l’attenzione ai valori ecologici e sociali”.
“In un contesto di sfide significative, aggravate dalla globalizzazione e dalla concorrenza dei colossi del web – prosegue Gavazza– è importante rendere i centri storici più attrattivi e promuovere i valori del Made in Italy, dello slow fashion e della sostenibilità ambientale ed economica. È quindi sempre più necessario un confronto costruttivo e un dialogo costante tra operatori commerciali e fornitori per affrontare insieme le problematiche di filiera con trasparenza e fiducia reciproca, unitamente a un approccio strategico volto a garantire un futuro all’intero settore”.
I dati del Fashion Retail Report di Federazione Moda Italia-Confcommercio mostrano un calo medio dei consumi nel settore moda del 2,7% nel 2023. Anche i saldi invernali non sono riusciti a invertire la tendenza, registrando un calo del 4,5% a gennaio e del 4,6% a febbraio. Marzo, aprile e maggio sono stati mesi “freddi” per le vendite, con diminuzioni rispettivamente del 3,6%, del 7,1% e del 6,5% rispetto agli stessi mesi del 2023. Il settore moda, che rimane un fondamentale pilastro dell’economia nazionale contando 170.828 punti vendita e 299.890 addetti al 31 dicembre 2023, vede tuttavia una ripartenza dei consumi ancora troppo lenta.
Per questo – conclude Gavazza – come Federazione Moda Italia abbiamo proposto al Tavolo della Moda presso il Ministero delle Imprese e del Made in Italy l’istituzione di un patto per la ‘filiera etica’ e rimaniamo in attesa di un intervento urgente del Governo sulle locazioni commerciali, ad esempio, con un credito d’imposta del 30% oppure con la cedolare secca sugli affitti commerciali condizionati all’obbligo di una congrua riduzione dei canoni di affitto con un accordo specifico tra locatore e conduttore; sulla detrazione d’imposta ai consumatori per l’acquisto nei negozi di prossimità di nuovi prodotti di moda in cambio di quelli usati.
Sull’introduzione di un’aliquota Iva agevolata sui prodotti di moda sostenibili e made in Italy”

Post Correlati

start up
Come aprire una start up, la guida per aspiranti imprenditori
musica
Termine di pagamento musica d’ambiente diritti connessi per i Pubblici Esercizi stagionali
bottega)
Il Commercio non va in vacanza: nasce il marchio Bottega Ligure
fipe
FIPE Confcommercio: recensioni false “la Commissione UE conferma la responsabilità delle piattaforme