FIDA Confcommercio Savona: ritira la tua copia gratuita della Bussola “Il negozio alimentare”

FIDA Confcommercio Savona: ritira la tua copia gratuita della Bussola “Il negozio alimentare”

Hai un’attività alimentare?

Confcommercio e Fida ti invitano a ritirare la tua copia gratuita della seconda edizione della Bussola “Il negozio alimentare” presso la nostra sede di Savona.

Perché è importante?

Molto è cambiato nel settore alimentare italiano negli ultimi 5 anni. La nuova edizione della Bussola esplora in profondità i trend demografici, sociali, economici e tecnologici che stanno trasformando le abitudini d’acquisto e di consumo dei consumatori.

Cosa troverai all’interno?

  • Capitolo 1: Approfondimenti sulle nuove abitudini d’acquisto e consumo, con particolare attenzione alle piccole e medie superfici nei centri città e alla crescita dell’online. Inoltre, riscopre l’importanza dell’esperienza e del valore del servizio.
  • Capitolo 2: Strumenti di controllo di gestione e confronto dei numeri per aiutarti a prendere decisioni informate per la tua attività.
  • Capitoli 4 e 5: Guida alla definizione e modifica del posizionamento di mercato del tuo negozio, con focus sulle competenze di marketing necessarie per il successo.
  • Capitolo 3: Sviluppo di modelli specializzati, dalla qualità dei prodotti e dei servizi all’ibridazione tra vendita e ristorazione, senza dimenticare le opportunità offerte dall’online.

Ritira la tua copia gratuita e porta il tuo business alimentare un passo avanti. Non perdere questa preziosa opportunità per il tuo negozio alimentare!

Confcommercio Savona: Corso Agostino Ricci, 14

Per informazioni:

    • Telefono: 019 8331337
    • Email: info@confcommerciosavona.it

Post Correlati

start up
Come aprire una start up, la guida per aspiranti imprenditori
musica
Termine di pagamento musica d’ambiente diritti connessi per i Pubblici Esercizi stagionali
bottega)
Il Commercio non va in vacanza: nasce il marchio Bottega Ligure
fipe
FIPE Confcommercio: recensioni false “la Commissione UE conferma la responsabilità delle piattaforme