FIPE-Confcommercio rinnova il Contratto Collettivo Nazionale

FIPE-Confcommercio rinnova il Contratto Collettivo Nazionale

È stato firmato mercoledì a Roma il rinnovo del Contratto collettivo nazionale di lavoro per i dipendenti dei settori dei pubblici esercizi, della ristorazione collettiva e commerciale e del turismo.

La notizia è arrivata a Savona portando una ventata di ottimismo al settore che attendeva questa svolta da tempo.

Tra le principali novità ci sono l’aumento di 200 euro in busta paga, il rafforzamento dell’assistenza sanitaria integrativa, la revisione dell’inquadramento del personale e il rafforzamento delle normative in materia di diritti individuali.

A comunicare il rinnovo è stata FIPE-Confcommercio nazionale, la Federazione italiana Pubblici Esercizi, che dopo un’impegnativa negoziazione ha firmato con le organizzazioni sindacali il CCNL, che è stato sottoscritto anche da Legacoop Produzioni e Servizi, Confcooperative Lavoro e Servizi e Agci-Servizi.

Il precedete contratto era scaduto il 31 dicembre 2021, interessa oltre 300 mila imprese e si applica a oltre un milione di lavoratori in tutto il Paese. Rappresenta il terzo contratto di lavoro più applicato in Italia, dopo quello del terziario e del settore metalmeccanico.

«Accogliamo con soddisfazione il rinnovo di un contratto importante – commenta il presidente di Confcommercio Savona, Enrico Schiappapietra -, che arriva alle porte dell’estate e che per questo assume rilevanza e viene letto come un riconoscimento del settore, delle migliaia di persone che lavorano in questo campo e che, con la loro attività, rappresentano un fattore di attrattività, accoglienza oltre che una quota importante del Pil del Savonese e della Liguria».

«Nella nostra provincia il settore conta 4290 imprese attive – interviene Carlomaria Balzola, presidente Fipe Confcommercio Savona –. Si tratta di un rinnovo che era particolarmente atteso e che porta risposte importanti, anche perché arriva alle porte dell’ormai imminente avvio della stagione estiva. Aver sottoscritto il contratto in questo contesto, dopo i danni delle tante recenti emergenze, è segno di responsabilità sociale, capacità di visione, competenza tecnica e coraggio di tutte le parti presenti al tavolo negoziale, che ringraziamo».

In occasione della recente Giornata della ristorazione, lo scorso maggio, Fipe e Confcommercio Savona hanno organizzato un evento a Villa Zanelli, evidenziando le caratteristiche di un settore in salute, che anzi in provincia cresce, offre occupazione stabile e possibilità di carriera.

Nel Savonese il settore della ristorazione è quello che guida la classifica delle imprese del turismo, dando lavoro a centinaia di addetti, dei quali moltissimi giovani al di sotto di 30 anni.

Delle 4290 imprese attive (sedi legali) riferibili al CCNL Turismo, il numero maggiore è rappresentato dai ristoranti, che sono ben 1475 (34%), seguiti da 1242 bar (29%).

Poi figurano gli stabilimenti balneari, 430 realtà in provincia (10%), i 398 alberghi (9%), 185 strutture ricettive di altro genere (4%) e 186 gelaterie e pasticcerie (4%)1.

Dopo la crisi dovuta al Covid, che ha penalizzato moltissimo il settore, la ristorazione savonese ha saputo risollevarsi e oggi è tornata ai livelli di fatturato pre-pandemia.

In particolare, nel rinnovo del CCNL le parti firmatarie hanno previsto una significativa revisione della classificazione e dell’inquadramento del personale, fermi dagli anni Novanta, per renderli più rispondenti alle mutate esigenze del mercato e alle nuove tipologie di offerta.

Sono state rafforzate inoltre le normative in materia di diritti individuali delle lavoratrici e dei lavoratori, come le misure di contrasto alle violenze e alle molestie nei luoghi di lavoro e i congedi per le donne vittime di violenza.

Aspetti di primaria importanza, che Fipe-Confcommercio e Confcommercio Savona avevano già valorizzato, per esempio con il progetto #SicurezzaVera, volto a trasformare i locali in presidi di sicurezza a tutela non soltanto dei clienti, ma anche degli stessi lavoratori, e che oggi vengono sanciti anche dal nuovo contratto.

 

 

Post Correlati

start up
Come aprire una start up, la guida per aspiranti imprenditori
musica
Termine di pagamento musica d’ambiente diritti connessi per i Pubblici Esercizi stagionali
bottega)
Il Commercio non va in vacanza: nasce il marchio Bottega Ligure
fipe
FIPE Confcommercio: recensioni false “la Commissione UE conferma la responsabilità delle piattaforme