Fondo per il Turismo Sostenibile

Fondo per il Turismo Sostenibile

La Legge di Bilancio 2023 ha istituito il , la cui dotazione è pari a 5 milioni di euro per l’anno 2023 e, per gli anni 2024 e 2025, 10 milioni di euro ciascuno. Tale fondo mira a ’ .

Tra i beneficiari, alberghi e strutture ricettive, pubblici esercizi, campeggi e agenzie di viaggi, tra cui gli stabilimenti balneari, e altri codici ATECO Finanziamenti non superiori al 50% delle spese sostenute per la realizzazione di progetti volti a promuovere forme di turismo sostenibile.

Ci sono due avvisi:

 

Avviso 1 eroga contributi, a favore di proposte progettuali che rispondano ad almeno una delle seguenti finalità:

  • rafforzare le grandi destinazioni culturali attraverso la promozione di forme di turismo sostenibile, l’attenuazione del sovraffollamento turistico, la creazione di itinerari turistici innovativi e la destagionalizzazione del turismo;
  • favorire la transizione ecologica nel turismo, con azioni di promozione del turismo intermodale secondo le strategie di riduzione delle emissioni per il turismo.

Il costo totale ammissibile del progetto presentato dovrà essere compreso tra i 50.000,00 ed i  200.000,00 euro e l’entità del contributo erogato non potrà in ogni caso superare la quota del 50% del totale delle spese ammissibili previste per l’intero progetto presentato.

Avviso 2  intende sostenere le strutture ricettive, anche non imprenditoriali, e le imprese turistiche nelle attività utili al conseguimento della certificazione di sostenibilità.

Sarà possibile presentare domanda in via esclusivamente telematica a partire dalle ore 12:00 del 17 luglio 2023 fino alle ore 12:00 del 09 settembre 2023, all’interno del sito internet del Ministero del Turismo.

Post Correlati

start up
Come aprire una start up, la guida per aspiranti imprenditori
musica
Termine di pagamento musica d’ambiente diritti connessi per i Pubblici Esercizi stagionali
bottega)
Il Commercio non va in vacanza: nasce il marchio Bottega Ligure
fipe
FIPE Confcommercio: recensioni false “la Commissione UE conferma la responsabilità delle piattaforme