Fri-Tur: incentivi del Pnrr per il Sostegno alle Imprese Turistiche

Fri-Tur: incentivi del Pnrr per il Sostegno alle Imprese Turistiche

Il Fri-Tur (Fondo Rotativo per il Sostegno alle Imprese e agli Investimenti di Sviluppo nel Turismo) rappresenta uno degli incentivi previsti all’interno del Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza (PNRR). Questo strumento è promosso dal Ministero del Turismo, e viene gestito da Invitalia. L’obiettivo principale del fondo è migliorare i servizi di ospitalità e le strutture ricettive, con particolare attenzione agli aspetti digitali e alla sostenibilità ambientale. I progetti finanziati dovranno essere completati entro il 31 dicembre 2025.

La dotazione complessiva del fondo è di 780 milioni di euro, suddivisi in 180 milioni destinati al contributo diretto alla spesa e 600 milioni per il finanziamento agevolato.

Tempistiche e Presentazione delle Domande

Il Ministero del Turismo ha pubblicato un Avviso Pubblico il 7 maggio scorso, che posticipa l’inizio della presentazione delle domande. Le richieste di concessione degli incentivi potranno essere presentate dalle ore 12:00 del 1° luglio 2024 fino alle ore 12:00 del 31 luglio 2024. La modulistica necessaria sarà disponibile sul sito di Invitalia nella sezione dedicata al Fondo a partire dal 30 maggio 2024.

Tipologie di Incentivi

Il Fri-Tur prevede due principali tipologie di incentivi:

  1. Contributo Diretto alla Spesa: Questo incentivo copre il 35% dei costi e delle spese ammissibili.
  2. Finanziamenti Agevolati:
    • Concessi da CDP con un tasso nominale annuo dello 0,5%, per una durata variabile tra i 4 e i 15 anni, incluso un periodo di preammortamento massimo di 3 anni.
    • A questi si aggiunge un finanziamento bancario a tasso di mercato di pari importo e durata, erogato da una banca aderente alla Convenzione del 29 agosto 2022.

La somma complessiva del finanziamento agevolato, del finanziamento bancario e del contributo diretto alla spesa non può superare il 100% del programma ammesso. È importante sottolineare che gli incentivi del Fri-Tur non sono cumulabili.

Il Fri-Tur rappresenta un’importante opportunità per le PMI nel settore turistico italiano, permettendo loro di migliorare le proprie infrastrutture e servizi, con un occhio di riguardo alla digitalizzazione e alla sostenibilità ambientale. Con una dotazione finanziaria significativa e una struttura di supporto ben definita, questo incentivo mira a rafforzare e modernizzare il comparto turistico, contribuendo in maniera determinante alla ripresa economica del paese. Per ulteriori informazioni e per accedere alla modulistica, si invita a visitare il sito di Invitalia a partire dal 30 maggio 2024.

Post Correlati

start up
Come aprire una start up, la guida per aspiranti imprenditori
musica
Termine di pagamento musica d’ambiente diritti connessi per i Pubblici Esercizi stagionali
bottega)
Il Commercio non va in vacanza: nasce il marchio Bottega Ligure
fipe
FIPE Confcommercio: recensioni false “la Commissione UE conferma la responsabilità delle piattaforme