Le Bussole: come si costruisce la Brand Voice del tuo Locale

Le Bussole: come si costruisce la Brand Voice del tuo Locale

Il Restaurant Branding è una pratica che ti aiuta a definire la tua identità, per risultare più competitivo e far uscire dall’anonimato il tuo locale/ristorante.

Brand Identity: progetta la Brand Voice del tuo ristorante

Dopo aver focalizzato gli elementi strategici e la tua personalità – definendo obiettivi di business e di relazione con il tuo mondo – sei passato a comporre questi ingredienti per creare il tuo piatto appetitoso: un’adeguata brand identity che rappresenti e cristallizzi la tua marca in modo chiaro, coerente e facilmente identificabile.

Questa fase è molto importante perché rende attivo il posizionamento del tuo brand, rafforzando la percezione del tuo locale, in ogni contesto, strumento, occasione di incontro con i tuoi utenti, lettori e ospiti. Con coerenza e perseveranza, proporrai l’immagine del tuo brand in modo autentico, trasparente e aderente al reale. Ogni manifestazione del tuo brand è una promessa che viene mantenuta, una conferma del vostro legame, un giro di vite sulla saldezza della vostra relazione.

Il primo passaggio della brand identity è l’individuazione del nome (eventualmente link al precedente articolo), proprio come si fa con un neonato che si affaccia e presenta al mondo. A seguire si identificano gli elementi visuali e quindi quelli verbali, che aiuteranno a manifestare il tuo brand con linguaggi aderenti alla tua personalità.

Bisogna delineare i tuoi codici comunicativi, il linguaggio che ti sosterrà nella manifestazione della marca e nel progetto di relazione con l’universo circostante (mercato, player, collaboratori, competitor, ospiti).

Verbal Identity: le Parole per raccontarti

Concentriamoci sulla Verbal Identity, componente linguistica che caratterizza la gestione e la relazione aziendale, comprendendo il modo con cui la marca si descrive, trasmette e promuove prodotti/servizi.

La Verbal Identity è suddivisa in 5 parti fondamentali:

  1. Brand Voice
  2. Brand Story
  3. Brand Tone
  4. Brand Grammar
  5. Cosa dire e Cosa non dire

Approfondiamo elementi e passaggi chiave per progettare una funzionale Identità Verbale. Il nostro obiettivo è individuare quel riconoscibile stile comunicativo e di manifestazione indicato genericamente come… “Voce del Brand”. Scopriamone un po’ meglio le 5 componenti.

Brand Voice (Voce del Brand)

La tua Brand Voice è la personalità della tua marca che prende vita. È il modo in cui il brand comunica nel contenuto, nel testo e nel linguaggio generale, con riferimento allo stile e alla filosofia che rispecchia. Non si tratta solo di ciò che dici, ma del modo in cui viene detto: è coerente e immutabile.

Brand Story (Storia del Brand)

Da non confondere con lo storytelling, il racconto di storie intorno al tuo locale. La brand story può essere un racconto oppure un Manifesto ed è una sintesi di cosa rappresenta il tuo brand: ne racconta la storia ma anche i valori e include il pubblico che sta cercando di raggiungere.

Mette in gioco non solo la filosofia della tua attività ma anche la voce e la personalità del tuo ristorante.

Brand Tone (Tono di voce)

Il tono riflette la posizione e l’atteggiamento della marca in un determinato contesto o situazione. Ricorda la differenza: la tua voce sarà sempre la stessa, il tuo tono sarà coerente ma adeguato alla situazione.

Attenzione a non perdere la tua voce solo per il gusto di rincorrere un tono forzatamente “friendly” o “simpatico”, se questo non ti appartiene. Quanti ristoranti scalfiscono la propria immagine adottando, sui social media, un Tone of Voice (ToV) troppo informale, ingenuo, immaturo o scarsamente professionale?

Il Tone of Voice influenza il modo in cui sono percepiti e interpretati i messaggi. Non essere troppo asciutto o sbrigativo, soprattutto su canali dove mancano i linguaggi complementari di supporto (gestualità, tono e inflessione della voce). In poche parole, fai attenzione a calibrare il giusto tono di voce soprattutto sui social media e nei gruppi, dove è molto semplice risultare fraintesi o non ascoltati con la debita attenzione.

Brand Grammar (Grammatica e Impostazione dei testi)

Riguarda la definizione di uno standard per la tua comunicazione. Imposta regole e linee guida specifiche per i contenuti e i tuoi messaggi, così che, indipendentemente da chi scrive, ci sia coerenza.

Cosa Dire e Cosa Non Dire (Lessico)

La Brand Voice è la personalità della tua marca che prende vita. Stai lavorando alle parole, frasi, toni e argomenti che usi per mostrare chi realmente sei.

Seleziona argomenti che devi assolutamente evitare (es. nella comunicazione di marca non si parla di politica) e altri che, invece, scegli come luogo ideale di conversazione (valori, sostenibilità, tradizione, tendenze alimentari…).

Se hai compiuto un eccellente lavoro alla scoperta della tua personalità e con la raccolta degli elementi strategici, hai trovato il nome giusto per il tuo brand capace di rispecchiare la tua identità, hai iniziato un corretto percorso di branding… Ora puoi dare voce al tuo stile e ai tuoi valori.

Approfondimenti: https://lebussole.confcommercio.it/comunicazione/come-si-costruisce-la-brand-voice-del-tuo-locale-5-8/

Post Correlati

fipe
FIPE Confcommercio: recensioni false “la Commissione UE conferma la responsabilità delle piattaforme
_Bottega_Ligure_2024 (003)
Bottega Ligure, in nuovo marchio di qualità per le imprese
libro
L’estate prende forma con Asfoter Confcommercio Savona
conciliazione
Risolvi le tue controversie di lavoro con la Commissione Paritetica Conciliazione!