Sicurezza sul lavoro, nuove misure con il decreto PNRR

Sicurezza sul lavoro, nuove misure con il decreto PNRR

Dal 2 marzo è entrato in vigore il decreto legge con disposizioni urgenti finalizzate a garantire l’attuazione del PNRR, che prevede anche importanti novità in tema di sicurezza dei luoghi di lavoro. Più controlli , Patente a punti per le imprese virtuose, sanzioni penali per il lavoro nero, le nuove misure sono state inserite nel DL PNRR 19/ 2024  pubblicato in Gazzetta Ufficiale il 2.3.2024.

In particolare ricordiamo che:

  1.  in tema di assunzioni  per i controlli sarà indetto  nuovo concorso per incrementare il contingente degli ispettori del lavoro, del nucleo ispettivo Carabinieri e del personale ispettivo di Inps e Inail. Previsti anche il coordinamento delle attività ispettive e il potenziamento del sistema sanzionatorio in relazione ai subappalti e alla somministrazione illecita e fraudolenta;
  2. sulla  qualificazione delle imprese e la formazione, che deve riguardare sia i lavoratori che il datore di lavoro, e la salvaguardia delle imprese  edili  si prevede l’introduzione della Patente a crediti che dovrebbe entrare in funzione dal  1° ottobre 2024 . Per lavorare nei cantieri sarà necessario  avere almeno  15 crediti.  Con riguardo agli appalti si prevede  una responsabilità solidale tra tutti soggetti in caso di appalto illecito.

Riguardo a irregolarità contributive si prevedono ulteriori  aggravamenti delle sanzioni e penalizzazione  in caso di somministrazione abusiva di personale.

Al fine di rafforzare l’attività di contrasto del fenomeno del lavoro sommerso e irregolare e la tutela della salute e della sicurezza nei luoghi di lavoro, vengono introdotte fattispecie di reato al posto delle sanzioni amministrative.

Per fruire dei benefici contributivi e normativi in materia di lavoro e legislazione sociale i datori di lavoro, sono tenuti:

  • al rispetto degli accordi e contratti collettivi nazionali e territoriali sottoscritto dalle organizzazioni dei datori di lavoro e dei lavoratori comparativamente più rappresentative sul piano nazionale
  • ad avere il documento unico di regolarità contributiva (DURC)
  • e ora a partire dal 2 di marzo, all’assenza di violazioni nelle predette materie, ivi comprese le violazioni in materia di tutela delle condizioni di lavoro nonché di salute e sicurezza nei luoghi di lavoro individuate con decreto del Ministero del lavoro e delle politiche sociali. Premiati coloro che dimostrano comportamenti virtuosi nella gestione dei rapporti di lavoro.

Post Correlati

start up
Come aprire una start up, la guida per aspiranti imprenditori
musica
Termine di pagamento musica d’ambiente diritti connessi per i Pubblici Esercizi stagionali
bottega)
Il Commercio non va in vacanza: nasce il marchio Bottega Ligure
fipe
FIPE Confcommercio: recensioni false “la Commissione UE conferma la responsabilità delle piattaforme